White Chestnut: Quando utilizzare questo fiore di Bach per ritrovare il Ben-Essere

Il lavoro a maglia è sicuramente indicato per ritrovare uno stato di Ben-Essere ma ovviamente non è e non può essere l’unica opportunità.

Delle arti manuali mi piace soprattutto l’idea che rappresentino un modo attraverso il quale prendersi cura di Sé e degli altri.

Lo facciamo quando lavoriamo il maglione per la figlia oppure quando pensiamo di realizzare con le nostre mani un regalo per l’amica o per una persona speciale.

Amo dire che quando regalo una sciarpa fatta a mano, non regalo una sciarpa ma

Un caldo abbraccio

 

people-2569295_1280

Come vi dicevo giorni fa, che si tratti di lavoro a maglia, uncinetto o un qualsiasi altro hobby, ogni qual volta ci immergiamo in queste attività, riusciamo a rallentare ed ad abbandonare i ritmi frenetici della attuale società.

Questo ci consente di riconoscere ad esempio lo stato mentale o emozionale che stiamo vivendo.

Avere consapevolezza dell’emozione che ci  pervade, è un evento fondamentale ed il primo passo per la soluzione di un problema e ritrovare il nostro Ben-Essere.

A volte capita di non riuscire a riprendere e concludere il lavoro che avevamo iniziato con tanto amore e passione.

Perché?

Può avvenire per mille motivi. Uno dei tanti può risiedere nel fatto che in alcuni momenti della nostra vita veniamo completamente assorbiti da un pensiero fastidioso, un tarlo mentale che ci condiziona.

Sono quei momenti in cui esclamiamo

Non riesco proprio a non pensarci!”

“Mi preoccupo tutto il tempo per questa vicenda”

Chi di noi non ha conosciuto momenti come questo!

Magari ci sono stati problemi sul lavoro o in famiglia oppure durante la giornata abbiamo vissuto una lunga ed estenuante discussione che sembrava essersi conclusa.

Siamo tornate a casa, abbiamo preparato la cena, un bagno caldo per rilassarci ma sentiamo che il pensiero ritorna.

Tutto ciò che avremmo voluto dire e non abbiamo detto, rifà capolino. La cosa potrebbe finire qui, attraverso la valutazione dei pro e contro, una rivisitazione dell’evento ed un buon proposito od una soluzione definitiva ed invece no, il tarlo si è  inconsapevolmente insinuato in noi e finiamo per vivere una fase White Chestnut.

Ci accorgiamo infatti nelle ore successive che siamo andate a dormire con quel pensiero e che al risveglio lo stesso pensiero lo ritroviamo lì. Non solo, continuerà ad  accompagnarci  nel corso della giornata e nei giorni successivi.

Una mia amica l’altro giorno mi diceva: “Sai, sto parlando con te, ti ascolto, ma è come se la mia mente fosse in un altro luogo, ad inseguire altri pensieri! Sono sempre gli stessi, li giro e li rigiro ed alla fine mi sento priva di forze, mi viene il mal di testa ed alla notte finisco per non dormire!”

Mi è apparso semplice a naturale, alzarmi, andare verso lo scrigno dei Fiori di Bach e prepararle un bouquet di fiori tra cui il White Chestnut.

chestnut-2398794_1920

Edward Bach di questo fiore dice:

Per quelli che non possono impedire che la loro mente sia attraversata da pensieri, idee, ragionamenti che non desiderano.

E questo di norma accade nei momenti in cui il loro interesse per il presente non è abbastanza forte da occupare del tutto la loro mente.

Pensieri che preoccupano e persistono, pur se cacciati per un momento, ritornano. Sembra che essi girino e rigirino provocando una tortura mentale.

La presenza di questi pensieri spiacevoli toglie la pace e impedisce di concentrarsi sul lavoro o di apprezzare i piaceri della vita quotidiana.

 

Questo fiore ha il potere di aiutare a ritrovare la concentrazione, rafforzare le energie mentali, utilizzare in modo costruttivo le nostre conoscenze, sostenendoci nella soluzione di un problema.

Commettiamo comunque un errore quando pensiamo che questo stato mentale nasca solo in quando viviamo situazioni di difficoltà. Tutti gli eventi, anche  quelli positivi, come i preparativi di un matrimonio, una laurea, un nuovo lavoro, possono essere fonte di eventi stressanti e generarlo.

Sapete quale sarà il prossimo evento stressante?

Ebbene si, la risposta credo sia comune!

Il Natale!

Ho idea che si creerà uno stato White Chestnut collettivo!

Personalmente non voglio preoccuparmi di questo! Mi piace l’idea di vivere il Natale con la semplicità di ogni giorno e con accanto alle persone care con cui condivido la mia vita quotidiana!

Del Natale amo la tradizione e l’atmosfera.

Amo il Presepe, l’albero di Natale ed i regali sotto l’albero!

Quest’anno poi mi piace l’idea di trascorrerlo anche un po’ con voi.

Ho già tirato fuori l’albero e di giorno in giorno costruiremo insieme un Albero di Natale tutto all’insegna del fatto a mano.

Vi piace quest’idea?

Correlati:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *